loghi
Menu

DALLA SINGOLA IMMAGINE AL RACCONTO FOTOGRAFICO con FAUSTO PODAVINI

Il Workshop è pensato per tutti coloro che vogliono migliorare la fase progettuale ed esecutiva di lavori fotografici a medio e lungo termine, ma anche a chi semplicemente vuole iniziare a vedere la fotografia non più legata al singolo scatto ma come racconto fotografico.

L’approccio avverrà tramite visione e discussione del portfolio dei partecipanti, affrontando sia la fase teorica che quella pratica, sia tutte le problematiche legate alle realizzazione dei lavori. L’aspetto pratico consisterà nello svolgimento di un tema che verrà assegnato ai partecipanti almeno quindici giorni prima dell’inizio del workshop. L’aspetto tecnico dei lavori verrà discusso criticamente fino a studiare la delicata fase dell’editing.

Verranno anche trattati tutti gli aspetti concreti su come si realizza un reportage.

All’interno del workshop verrà approfondita inoltre la storia del fotogiornalismo attraverso cenni storici e analisi di lavori fotografici emblematici.

Quando: 
19-20 Novembre 2016

Leggi tutto...

**OPEN DAY 2016 IN CONDOMINIO** INGRESSO LIBERO!

La seconda edizione dell'Open Day è ormai prossima, il 15 Maggio il Condominio Fotografico riapre i battenti a tutti coloro vogliano passare una giornata dedicata alla fotografia.
Gli eventi in programma sono tanti, e TUTTI GRATUITI! 
Dai corsi per bambini a quelli di ritratto e luci, dalle sessioni in camera oscura ad un tutorial per districarsi tra i numerosi modi di fare fotografia, utilizzando e reinventando materiale comune.

Anche quest'anno avremo ospiti illustri, ARIANNA ARCARA e ALESSANDRO SALA di CESURA saranno con noi tutto il giorno per due sessioni di letture portfolio e per il consueto incontro con l'autore.

L'Open Day segna anche il culmine del progetto didattico "Il racconto nella fotografia contemporanea" del Condominio Fotografico con i ragazzi del liceo artistico e scientifico "Galilei-Campailla" di Modica, che presenteranno i loro lavori in una mostra che è il risultato di mesi di studio ed impegno per questi giovani appassionati. Le foto in mostra sono di MARIA ROSA CAVALLO, FLAVIA CRISCIONE, ALESSIA FEDE, SIMONA FIDONE, DAMIANO PALAZZOLO.

PROGRAMMA DELLA GIORNATA:
h.10-11 Sessione di sviluppo e stampa in Camera Oscura
h.11-12 Basi di cinematografia
h.12-13 1^ sessione di Letture portfolio con Arianna Arcara e Alessandro Sala di Cesura 
h.13-15 Pausa pranzo a cura di Prima classe double bar
h.15-16 2^ sessione di Letture portfolio con Arianna Arcara e Alessandro Sala di Cesura 
h.16-17 Do It Yourself (DIY) Photography 
h.17-18 Laboratorio di fotografia per bambini (7-11 anni)
h.17-18 Workshop sul Ritratto in Sala Posa 
h.18 Tea break a cura di Umamì Tisaneria
h. 19 Presentazione della mostra di fine corso rivolto agli studenti del liceo artistico e scientifico "Galilei-Campailla" di Modica. 
h.19.30 Incontro con Arianna Arcara e Alessandro Sala di Cesura 

Inoltre, per tutto il giorno:
- Istallazione: "Lascia una traccia del tuo passaggio" - Tributo a Franco Vaccari
- Mostre fotografiche 
- Proiezioni
- Bookshop libri fotografici a cura di Condominio Fotografico
- Corner tesseramenti

Vi aspettiamo nella nostra sede al Borgo degli Artisti, in via S.Teodoro, 1c a Modica Alta, dalle 10 alle 21.

Per info e prenotazioni pranzo:
info@condominiofotografico<wbr< a="">>.it

Leggi tutto...

The (Photo)book is on the table - 10 Aprile ore 17.00

3° THE (PHOTO)BOOK IS ON THE TABLE 
- La serata di condivisione libri del Condominio Fotografico -

Per questo nuovo appuntamento di The (Photo)Book is on the table, ospite del Condominio sarà la TISANERIA UMAMI' di Modica, che porterà per l'occasione una selezione di tè, tisane e biscotti. Umamì avrà un piccolo corner per delle mini degustazioni di tisane omaggio e un angolo vendita con un'ampia scelta di gusti per tisane calde subito pronte. 

*************************************************************************

"Un libro è come un ponte: unisce due cose lontane ricordandoci sempre, però, la distanza che c'è tra esse".

Questo è l'esperimento che noi del Condominio Fotografico vogliamo realizzare con tutti i nostri amici e cioè far si che un libro possa coprire anche per poco tempo una distanza, che possa mettere in comunicazione e creare un dialogo, un confronto ma anche uno scontro, una discussione ma anche un momento di riflessione intima con noi stessi. 

Per questa ragione nasce "THE (PHOTO)BOOK IS ON THE TABLE", una frase ironica che però nasconde al suo interno una bella idea, l'idea di un momento di condivisione che ha inizio da un semplicissimo gesto, il gesto di prendere un libro dal tavolo e vedere cosa succede.

Il 10 APRILE, dalle 17.00, venite a trovarci, troverete un tavolo con i nostri e vostri (per chi vorrà) libri; libri di fotografia, naturalmente, libri che hanno già insegnato qualcosa a qualcuno di noi e che adesso sono lì, sul tavolo ad aspettare altre mani, altri occhi, altri pensieri.

Aspettiamo Voi e i vostri libri fotografici!!

Domenica 10 Aprile 2016 
Ore 17.00
Borgo degli Artisti - Via San Teodoro 1C - Modica Alta
Per info: info@condominiofotografico

Leggi tutto...

Workshop con ANNA DI PROSPERO / Giovedi 7-8 novembre

FOTOGRAFIA DI RICERCA E AUTORITRATTO:
Workshop con ANNA DI PROSPERO.

Il primo workshop in assoluto della talentuosa Anna Di Prospero sarà organizzato dal Condominio Fotografico. 
A nemmeno trent’anni Anna Di Prospero è considerata una delle più interessanti figure della fotografia internazionale. Tra gli altri premi, è stata insignita, a soli 24 anni, del prestigioso Discovery of the Year nel 2011.

Il Workshop intende affrontare diverse tematiche sulla fotografia di ricerca, illustrando e approfondendo ogni aspetto di questo specifico settore fotografico. 
Partendo dalla presentazione dei lavori di Anna Di Prospero e da un’approfondita introduzione sulla fotografia contemporanea italiana ed estera, si intende affrontare la definizione di autoritratto, sottolineandone l’evoluzione e la differenza con la tanta diffusa pratica del selfie. 
Centrale sarà poi spiegare il percorso della fotografia di ricerca, focalizzandosi su dettagli pratici e utili: sviluppo di un progetto personale, promozione del lavoro, il ruolo dei social nella fotografia contemporanea, relazioni con gallerie e media, regole e caratteristiche delle stampe fotografiche destinate al mercato dell’arte. 
Infine, si svolgerà una lettura portfolio dei partecipanti. 
Il corso, della durata di due giorni, è rivolto a professionisti e amatori della fotografia.

Alla fine del workshop verrà rilasciato un attestato di partecipazione. 

****

LE ISCRIZIONI POTRANNO ESSERE EFFETTUATE ENTRO E NON OLTRE IL 31 OTTOBRE. 

Per info e contatti:
www.condominiofotografico.it
info@condominiofotografico>.com
+ 39 3493798647
+ 39 3383667801

***

Link utili:
www.annadiprospero.com

QUANDO:
● 7 e 8 Novembre 2015

ORARI:
Dalle 10.00 alle 18.00
Pausa pranzo: 13.30 - 14-30

DOVE:
● Borgo degli Artisti (ex-scuola De Amicis) - via San Teodoro, 1C - Modica Alta

 

PREZZO:

● 130,00 € ENTRO IL 15 OTTOBRE
● 150,00 € DAL 15 OTTOBRE AL 31 OTTOBRE

 

TERMINE ISCRIZIONI:
● 31 OTTOBRE 2015

 

PARTECIPANTI:
● Max 20

 

Trovate tutte le info per l'iscrizione al seguente link
www.condominiofotografico.it 

 

Leggi tutto...

Giovedi 16 aprile - Incontri d'Autore - Davide Bramante in Condominio

Giovedi 16 Aprile 2015 - Borgo degli Artisti
ore 21.00 - INGRESSO LIBERO


DB nasce a Siracusa il 7 Novembre 1970 da Salvatore e Santina Andolina. Il padre è impiegato come infermiere presso il locale manicomio di Siracusa e la madre sarta in casa. A dire il vero anche il padre per tutta la vita lavorativa fa il sarto, ma da quando nasce Davide lo farà come secondo lavoro. Davide è, un figlio d’Archimede vero e proprio; il padre, infatti, nacque sotto i bombardamenti alleati. La nonna incinta si rifugiò dentro una grotta della zona che successivamente prese il nome di Parco Archeologico di Siracusa e che ad oggi, comprende: il Teatro Greco, l’Anfiteatro Romano, l’Ara di Ierone, l’Orecchio di Dionisio, la Grotta dei Cordari e la Tomba di Archimede. Il 30 gennaio del 1943 dentro la Tomb
a d’Archimede nacque Salvatore Bramante. Per Davide egli è l’unico grande esempio e mito da seguire uomo calmo, pacato, ragionevole e razionale. Davide è certo, suo malgrado, che il detto “Tale padre, tale figlio” non è poi così tanto veritiero anzi, sostiene che si salta sempre una generazione e che quindi dovrebbe esser corretto in “Tale nonno, tale nipote”; tale affermazione deriva da un’infinita serie di esempi, i più lampanti ai suoi occhi le somiglianze caratteriali con il nonno paterno Francesco e la somiglianza di suo figlio Leandro con suo padre Salvatore.
Molto probabilmente oggi Davide si è formato ed è diventato artista a causa dei genitori sarti in casa, sin da bambino li osservava tracciare segni a mano libera sui tessuti con i gessi, tagliare e cucire sempre a mano libera. Nonno Francesco (chiamato dai nipoti Nonno Ciccino) ha anche lui contribuito chiedendo ripetutamente a Davide sin da quando era in tenera età, <..sai chi era il Bramante? ...sai che fece il Bramante?…>. Davide un po’ per curiosità, un po’ per saper rispondere a suo nonno, inizia già a 8 anni a fare ricerche sul Bramante, appassionandosi sempre più alla storia di Donato Bramante e dell’arte tutta.
Ovviamente si iscrive al locale Istituto statale d’Arte nella sezione metalli e oreficeria, a 14 anni scopre l’arte contemporanea andando a visitare una mostra di Anish Kapoor, nello stesso anno la personale di Alfredo Romano “Energia per quadri che non sono solo quadri” e poi la collettiva “Mater Dulcissima” con artisti come Mimmo Paladino, Janis Kounellis, Arnulf Rainer, Michelangelo Pistoletto, Emilio Vedova …………..
Siracusa in quegli anni, stiamo parlando degli ’80, è come dire un buon centro per l’arte contemporanea; tutti gli artisti internazionali che passano da quelle parti possono confrontarsi con una storia millenaria e con personaggi come Archimede, Platone, Caravaggio, con la nascita del Mimo e della Commedia. Presso la chiesa dei Cavalieri di Malta e il Centro d’arte contemporanea si terranno mostre personali di quelli che saranno gli artisti internazionali più interessanti dell’ultimo ventennio del secolo scorso. 
Davide s’innamora sempre più delle arti figurative; sembra quasi non condividere più i giochi e le scelte dei suoi amici coetanei… Si allontana sempre più dalle piazzette dove ci si incontra principalmente per commentare le partite di calcio o per pianificare le serate in discoteca. Anche quando d’estate va in spiaggia, porta sempre con se riviste d’arte contemporanea, Flash art e Tema Celeste. A scuola predilige le materie pratiche e la storia dell’arte anche se non è troppo amato dalla docente di questa disciplina che pretende solo le date e i racconti a memoria pari pari presi dall’Argan. Finalmente si diploma e si trasferisce presso l’Accademia Albertina di belle arti di Torino. L’Accademia di questa città non ha importanti docenti ma Torino è ricca, sprizzante d’arte ad ogni angolo di strada o piazza, i suoi artisti sono tra i più amati d’Italia. Vi sono i poveristi come la famiglia Merz, Gilberto Zorio, Giulio Paolini, Giovanni Anselmo, Michelangelo Pistoletto, Alighiero Boetti, Giuseppe Penone e poi Gastini, Mainolfi, Salvo, e Nicola De Maria importante esponente della TransAvanguardia, i giovani Pittori Mediali….tutti questi abitano tra piazza Vittorio Veneto e via Po, proprio dove vive Davide che spesso entra in contatto con questi artisti come assistente di studio o quando per gli allestimenti lavora presso la galleria Giorgio Persano, proprio sopra la galleria al quarto piano di P.zza V. Veneto n.9 prende in affitto una soffitta che per molti anni sarà casa e studio allo stesso tempo, senza acqua calda, una doccia, ne una cucina vera e propria, per letto uno strato di gommapiuma da pressa industriale che la notte sdrotola per andare a dormire sotto un piumone prestato da un’amica. Sono gli anni più belli, non importa se mancano tutte le comodità, se mancano i soldi per mangiare, spesso esclama, …..sono cosi povero ed ho così tanta fame che prima di mangiarmi le unghie, apparecchio….. L’arte e la creatività sono con lui, tutto ciò che desidera è fare opere e mostrarle. Mirella Bandini sua grande sostenitrice assieme a Marcello Levi e al amico Turi Rapisarda sono la sua nuova famiglia.
Mirella lo istruisce, Marcello lo sfama e Turi gli tiene compagnia nei mille combattimenti per un’immagine e non solo. Sono anni di militanza artistica e politica, anni passati tra le sale del Castello di Rivoli e i Centri Sociali che difendono il territorio dalla distruzione e dalla TAV. Sono gli anni in cui Torino si rifà “il trucco” si ridisegna e si trasforma da città industriale in forte declino a città turistica che riscopre e rivaluta i propri gioielli di famiglia con fare vincente. Laureatosi nel 1995 con il massimo dei voti, Davide inizia sempre più a viaggiare tra l’Italia e gli Stati Uniti, dove nel 1998 e nel 1999 vince due borse di studio presso la prestigiosa Franklin Fournace Foundation (ancora ad oggi dal 1969 anno di fondazione è l’unico artista italiano tra i centinaia selezionati ed invitati) e una mostra collettiva al MOMA di NY. Nel 2000 dopo un breve soggiorno a Londra decide di rientrare in Italia per trasferirsi a vivere definitivamente a Siracusa dove qualche mese dopo nasce il suo primogenito, Leandro Donato Bramante e qualche anno più tardi Mirea Miami. Oggi Davide Bramante è riconosciuto a livello internazionale per aver esposto e lavorato, dalla Cina, Corea del Sud agli Stati Uniti per le sue photos di grosso formato che ritraggono le città metropolitane del mondo, realizzate con la sua originalissima tecnica fotografica delle esposizioni multiple comprendenti da 4 a 9 scatti fatti in fase di ripresa non digitali, ma da sempre ha sperimentato e sperimenta linguaggi video (dal 1992 al 1995 con il Gruppo ANDA ha realizzato video istallazioni interattive e più di 20 opere video, mostre in Italia e all’estero) istallazioni materiche, istallazioni ambientali come “l’Isola dei Pirati” quando tutta in una notte a per le calle di Venezia ha istallato più di 2000 bandiere dei pirati. Le opere fotografiche di Bramante nascono, dal suo sangue siciliano un giusto mix tra Arabo, Normanno, Romano e Spagnolo ma anche dal maestoso Duomo di Siracusa, che da Tempio Dorico è stato trasformato con diversi rimaneggiamenti in tempio cristiano dove sia all’esterno che al suo interno si trovano e notano infiniti stili architettonici. Da sempre cerca di far convivere all’interno del suo lavoro le tre cose che ama di più; l’arte, la fotografia e il viaggio. Spesso si definisce un instancabile piccione viaggiatore, parte per lunghi viaggi ma fa sempre ritorno nella sua amata casa. I piccioni viaggiatori sono i suoi amati animali a cui dedica diverse ore di lavoro/svago ogni giorno, grazie a loro guarda il cielo. Il suo hobby ma anche al sua Pet therapy sono le gare con i piccioni viaggiatori, ogni anno la sua collezione si arricchisce di trofei, coppe, medaglie e targhe vinte grazie a questa strana passione per un animale spesso sottovalutato e odiato. Davide da qualche anno ha un piccolo studio nel cuore di Siracusa nell’isola di Ortigia e precisamente alla Graziella che è l’antico borgo dei pescatori, ogni anno riceve ed ospita tutti gli amici dell’arte che incontra e conosce nei suoi lunghi viaggi per il mondo.

 

 

 

Leggi tutto...

WORKSHOP 25-26 OTTOBRE FOTOGRAFIA bis: ALESSANDRO GRASSANI - Reportage: dall'idea alla realizzazione

Vista l'alta richiesta di partecipazione il WorkShop RADDOPPIA!

Nuovo Appuntamento il 25-26 Ottobre 2014

Sempre Alessandro Grassani.
Sempre a Modica.
Sempre al Borgo degli Artisti.
Sempre al costo di 130 € a persona.

Per info e contatti:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
+ 39 3493798647
+ 39 3383667801

 

 

Leggi tutto...

WORKSHOP 18-19 OTTOBRE FOTOGRAFIA: ALESSANDRO GRASSANI - Reportage: dall'idea alla realizzazione

Alessandro Grassani, affermato fotografo di reportage nel panorama italiano e internazionale ha realizzato reportage in oltre 30 Paesi. Il 18 e il 19 Ottobre prossimi terrà un workshop a Modica, grazie all’ospitalità e la collaborazione del Condominio Fotografico. Vincitore del premio Amilcare Ponchielli 2014, è stato insignito anche di una serie di riconoscimenti internazionali come i Sony Photography Awards e il Days Japan Photojournalism Award; lavora con giornali quali New York Times e Sunday Times e nel 2013, è stato invitato a presentare il suo lavoro alla TED Conference di Berlino; tra un viaggio e l'altro, insegna al Master di Reportage dell'Accademia di fotografia John Kaverdash di Milano. 

Alessandro Grassani coordinerà la due-giorni di workshop dal titolo: “Reportage: dall’idea alla realizzazione”.

Il fotografo di reportage è colui che, con le immagini, deve saper raccontare i fatti, i luoghi e le persone, aspirando a una perfetta combinazione tra bellezza e verità. In che modo può essere garantita l’obiettività del racconto dando un’interpretazione fotografica personale della storia? 

Il workshop fornirà gli strumenti necessari per realizzare un reportage dal forte contenuto giornalistico, visivo e progettuale. Grassani, inoltre, attraverso l’analisi di esperienze e lavori personali, affronterà diverse questioni pratiche: come si organizza un reportage, come ci si muove in Paesi “difficili”, chi è il fixer e che ruolo hanno le ONG. Si discuterà infine del difficile lavoro del fotoreporter che oggi deve destreggiarsi tra questioni di etica e deontologia professionale. E' inoltre prevista una lettura portfolio per tutti i partecipanti.

***

Il workshop si terrà in due giornate, 18 e 19 Ottobre, al costo 130 € a persona, per un numero massimo di 15 partecipanti. Tutti coloro che si iscriveranno entro il 15 Agosto avranno diritto a uno sconto di 20 € sul prezzo intero. Alla fine del workshop verrà rilasciato un attestato di partecipazione. 

Per info e contatti:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
+ 39 3493798647
+ 39 3383667801

***

ALESSANDRO GRASSANI: per tutte le info consultate il sito http://www.alessandrograssani.com/ 

 

 

Leggi tutto...

VeiveCura _ Anteprima Tour Goodmorning Utopia + presentazione videoclip

Nell’ultimo anno Borgo degli Artisti-OM ha ospitato e presentato artisti provenienti da differenti città e paesi. Ognuno di loro ha lasciato un segno, una traccia all’interno di Modica Alta (e non solo dentro le quattro mura di OM). Questa volta abbiamo il piacere di presentarvi l’ultimo lavoro di VeiveCura, progetto musicale di Davide Iacono, modicano doc (così come i musicisti che danno vita al progetto). È la storia di una utopia, di quelle che inseguiamo, che ci illudono e ci prefiggiamo di raggiungere la mattina quando ci alziamo e guardiamo al futuro; la stessa che, a volte, si infrange, come quella palla tirata alta sulla traversa a Pasadena da Baggio nel ’94. Ed è proprio “Baggio” il titolo del primo video estratto dall’album “Goodmorning Utopia” che verrà presentato in occasione di questa anteprima del tour estivo. Dopo aver calcato palchi importanti e collaborato con artisti di calibro internazionale, VeiveCura ritorna a casa e vi aspetta a Borgo degli Artisti-OM.

 

_________________________________________________________

ore 20:00 _ Aperitivo a cura di Stuzzicadenti StreetFood
ore 21:15 _ VeiveCura: presentazione videoclip "Baggio"
ore 21:30 _ VeiveCura live

Leggi tutto...

PrimOMaggio - Uzeda

PRIMOMAGGIO2014
CONCERTO CON
UZEDA
+ TAPSO II
+LOC 17

programma:
ore 16,30: ingresso
ore 17,00: OMtales - "UZEDA e la scena rock degli anni '90" a cura di G.Runza
ore 18,30: inizio concerti

Biglietti disponibili al link >> http://www.eventbrite.it/e/biglietti-uzeda-primomaggio-11090996469

L'acquisto del biglietto comprende quota e contributo associativo.

 

BIO 
Uzeda is a four piece band that hails from Catania, a city in the region of Sicily. Catania is known for its close proximity to Mt. Etna, a volcano so consistently explosive that it makes the most obvious and closest point of comparison for Uzeda's music.

It seems only right to say that Uzeda is the musical equivalent of this smoking mass of rock, because the songs they create together ebb and flow like molten lava. And the red-hot blasts of noise they've forged on their six albums, are fiery enough to leave scars and burn marks.

One of the first things you'll notice upon listening to Uzeda is the anguished screams of lead singer Giovanna Cacciola. Notice just how quickly she can switch from crooning to howling on her intense singing." She practically reaches out of the speakers and demands your attention."
The angular, corrosive guitar work courtesy of Agostino Tilotta is right there in the mix too, providing its own commentary. And the punishing combo of Raffaele Gulisano on bass and Davide Oliveri on drums is the group's constant. Throughout the albums, Raffaele's bass work takes the lead as often as any other instrument. One-sided music this is not.

This type of songcraft needs a sympathetic producer, so who else were the band to call than Steve Albini?
He and Uzeda have a long history together, with him having recorded 4 of their 6 albums.
He traveled to Catania/Sicily to record Waters,
to France to record "4" ,
to France again to record "Different Section Wires" ,
to Senigallia/Italy to record Stella .
Sure enough, the sounds he captured on tape are just as muscular and natural as you'd expect watching
Uzeda live on stage.
And any fan of the genre will be thrilled to discover the wonderful performances the band laid down in the studio.

Every album has been distilled down to the rough essence of its pure creation. And if you need your bands to make concessions to the listener, forget about it. This music is made for those who like their rock uncompromising, passionate, and honest. There isn't a lick of false pretension in Uzeda's music. And that's the only way they'd have it.

Leggi tutto...

Hip Hop Day - Il Jullare - live

domenica 19 Aprile - ore 20:00
Il Jullare Live

BIO 

L’Urlo della passione, l’Urlo dei sentimenti. L’Urlo della voglia di chi vuol farsi sentire. L’Urlo del Funk, dell’elettronica e dell’hip hop. È un “Funkurlo”, una miscela esplosiva creata nel laboratorio della band “IlJullare”, alla prima fatica musicale, che rispecchia a pieno la storia di quattro trentenni nati nell’angolo più a sud d’Europa. Densità del suono e profondità delle parole che segnano una musicalità inconfondibile.
Il progetto “Il Jullare” è nato nel 2012, dalla voglia di plasmare ai testi di Marco Sigari delle sonorità diverse da quelle convenzionali: frasi rimate a colpi di funk, hip hop con basi elettroniche. Perché “Il Jullare” è una band drumless e a farla da padrona sono le chitarre di Marco Musumeci, il basso di Piero Cappitta e i groove di Marco Calì. Quattro giovani tutti originari di Pachino, un piccolo centro urbano in provincia di Siracusa ma stampato sul mappamondo in un parallelo più a sud di Tunisi.
Ma la strada che porta a “Il Jullare” è stata lunga e difficoltosa. Infatti, il progetto affonda le radici nel 1999 dall’incontro di Marco Sigari, alle prime esperienze con la scrittura dei testi, e Marco Calì, dee jay e studente tecnico del suono nella “Suoni e rumori” di Daniele Grasso. Il duo inizia a produrre diverse demo, tra cui “Acqua dalla luna” (una delle 8 tracks del nuovo album), selezionata tra i brani del programma “Demozone” in onda su Radio Due il 20/05/2004. E le tappe notturne del duo in pub, circoli e
manifestazioni della Sicilia sud orientale sono state decine a cavallo tra il vecchio e il nuovo millennio. Qualche anno dopo l’ incontro musicale e di amicizia con la band rock & blues Papacheka (due chitarre, basso, batteria e tastiera), da cui nasce una sinergia ed una collaborazione che porta al riarrangiamento di alcuni brani de il Jullare in una fusione di rock & blues ed hip hop. Il forte legame produce anche risultati: nel 2008 grazie alla collaborazione musicale tra i due gruppi arriva la vittoria all’edizione nazionale di “Rock targato Italia”.
Così, dopo le significative esperienze tra le due realtà musicali, lo sbocco naturale è stato la fusione, non priva di “sacrifici”. Infatti, dei Papacheka a scegliere di aderire integralmente al progetto è il primo chitarrista e leader della band, Marco Musumeci, gli altri quattro componenti decidono di impegnarsi in altre esperienze musicali. Ecco che nel 2012 comincia a plasmarsi il presente della
band “Il Jullare”, che vede anche l’adesione del bassista Piero Cappitta, diplomatosi all’accademia musicale “Lizard” di Fiesole con il massimo dei voti.

WEB
www.iljullare.it

Leggi tutto...

Giovanni Puma

sabato 5 Aprile - ore 17:00
GIOVANNI PUMA

Di professione pittore, modicano di Modica Alta, Giovanni Puma nasce il 5 aprile 1934. Vive fin da piccolo momenti storici importanti e contrapposti. Frequenta le scuole elementari in piena epoca fascista, le medie nell’Italia liberata. È un adolescente inquieto. Mal sopporta ogni tipo d’imposizione, ogni freno alla libera espressione della sua personalità. E non teme di fuggire di casa senza documenti pur di raggiungere, a Napoli, il fratello maggiore in partenza per l’America Latina. È il suo primo, concreto atto di ribellione al padre, uomo rigoroso e di fede socialista, che gli ha imposto la prosecuzione degli studi al fine di garantirgli un futuro migliore.
 

Costretto a ritornare a Modica, Giovanni frequenta l’istituto per geometri, ma non rinuncia al progetto di partire. Sempre più insofferente dell’ambiente che lo circonda, non si stanca di chiedere ai genitori di poter raggiungere il fratello oltreoceano. A diciannove anni interrompe gli studi e ottiene dal padre il permesso di espatrio. Il suo viaggio in nave, pur estenuante e lunghissimo, rappresenta la conquista dell’indipendenza, la concreta emancipazione dagli stereotipi paesani e dagli spazi angusti del suo quartiere. 
Le immense distese venezuelane tuttavia e le facili libertà di movimento non servono a placare la sua irrequietezza. Senza ostacoli da superare e senza competizioni, la sua mente già fervida di idee e di progetti appare insoddisfatta. È altro che vuole. 

Giovanni fa ritorno in Italia dopo alcuni anni e consegue finalmente il diploma di geometra. È il periodo infuocato delle prime avvisaglie di contestazione che sfoceranno nel Maggio Francese. Il nuovo clima culturale lo entusiasma. Via i lacci del conformismo e della doppia morale, via l’autoritarismo nelle scuole, via tutto ciò che imbriglia le ali a un’anima come la sua, tesa a cogliere il senso puro dell’esistente. 
Giovanni si trasferisce a Roma e sceglie di vivere nei luoghi del ghetto. Portico D’Ottavia, Campo de’ Fiori, Via dei Chiavari. Qui colleziona esperienze memorabili. Incontra gli artisti della Galleria Il Gabbiano che lo apprezzeranno per la sua pittura concettuale astratta. Frequenta corsi di cinema e di teatro sperimentale. Conosce molte donne, italiane e straniere, con cui instaura rapporti culturali o intreccia relazioni amorose improntate al superamento di vecchi tabù sessuali. 

Il suo stile di vita decisamente anticonformista in breve diventa una potente calamita per tanti giovani del nascente Movimento Studentesco, per artisti e intellettuali di varie nazionalità. 
Torna spesso a Modica. È l’affetto grande per la madre Margherita e la sorella Rosa a riportarlo in via Lelli. Sono visite fugaci, le sue, ma intensamente vissute. Il ricordo della fanciullezza spensierata, trascorsa accanto a loro, è sempre vivo e gli ispirerà le pagine più belle del romanzo “Canto del conto del capo coperto”.
Archiviato il Sessantotto, Giovanni non smette di cercare risposte ai suoi quesiti esistenziali e artistici. La conoscenza di una giovane italianista francese, Pascale Budillon, che diventerà sua moglie, gli apre la strada per Parigi. Qui continua la sua attività di pittore nello studio di Rue de la Grange aux Belles, dove sviluppa e perfeziona alcune intuizioni del suo percorso artistico. 
Sono anni di nuove, feconde amicizie e parallelamente di graduale riconciliazione con la città d’origine. Giovanni torna sempre più volentieri a Modica e vi soggiorna sempre più a lungo, soprattutto nei mesi estivi. 
La nascita di Giulia nel 1983 completa e definisce la sua vita, chiamandolo al compito più importante e felice per un genitore: la trasmissione delle idee, di valori e sentimenti. A lei e alla sua formazione culturale Giovanni si dedicherà con impegno costante. 
Muore a Parigi il 27 dicembre 2013. Adesso riposa in Montparnasse.

>> Le foto dell'evento

>> Il servizio giornalistico a cura di  VideoMediterraneo

Leggi tutto...

Domenica in giardino

Nella tradizione popolare il passaggio dall’inverno alla primavera ha sempre avuto un ruolo molto importante, forse perché in termini biologici gli effetti della bella stagione si fanno sentire nell’umore degli esseri umani quanto sono visibili nel risveglio del mondo vegetale e animale. 
Allo stesso tempo, in climi temperati e mediterranei come il nostro, la primavera ha sempre rappresentato il riappropriarsi della vita all’aperto, il ritorno alla campagna e il rivivere delle piazze e degli spazi pubblici in città.
Il disorientamento spazio-temporale generato dai mezzi di comunicazione a volte riesce a mettere in secondo piano la consapevolezza di questi cicli naturali. "Domenica in giardino" vuole essere un'occasione per riconnettersi a questi cicli. Vi aspettiamo.

 

Leggi tutto...

Sicilian Flavour - il film

Domenica 12 gennaio alle ore 17.30 al Cinema Aurora verrà proiettato in anteprima Sicilian Flavour il film di Luca Scivoletto.

Il film ambientato interamente a Modica Alta e diretto dal regista Luca Scivoletto, coordinatore del Workshop è da intendersi, secondo il regista, quale prodotto cinematografico sperimentale.

 

Protagonisti un cineasta giovane e colto, ma pieno di preconcetti sulla Sicilia e su Modica, alla ricerca di immagini esotiche e luoghi comuni, e il suo operatore siciliano, rozzo ma in grado di cogliere attraverso la cinepresa dettagli macroscopici e microscopici di cui il suo datore di lavoro non si accorge. appare insignificante ad alcuni, si rivela essere decisivo per altri.

 

Hanno collaborato con Luca Scivoletto: Lillo Contino, Alberto Migliore, Fabio Paolucci Alice Roffinengo, Eleonora Cimpanelli, Marta Pallagrosi, Giulio Poidomani, Dario Guastella, Ugo Piva, Adriana Carta, Lorenzo Sammito.

 

L’ingresso alla proiezione è libero e al termine della stessa seguirà il commento del regista.

 

Leggi tutto...

OM - Orfanotrofio Modica

Venerdì 27 dicembre
ore 10.00 - Palazzo della Cultura - Modica

Il Comune di Modica presenta:
OM - ORFANOTROFIO MODICA

intervengono:

COMUNE DI MODICA
Ignazio Abbate / Sindaco
Orazio Di Giacomo / Assessore alla Cultura e UNESCO
Giorgio Belluardo / Assessore Urbanistica e Centro Storico
Anita Portelli / RUP Progetto Borgo degli Artisti

CCN FRANCAVILLA MODICA ALTA
Paolo Failla

MEDITERRANEAN PLANNERS
Francesco Bonsinetto

SOL.COOP. IBLEO
Salvo Borrelli

BORGO DEGLI ARTISTI
Stefania Covato / Coordinatore
Roberta Italia / Segretario
Daniela Petriglieri / Responsabile Formazione
Angelo Cannizzaro / Responsabile Scientifico

Leggi tutto...

OM_TALES #1 _ Risignificare i centri storici_un caso studio: la "costa"

Con questo seminario si inaugura un ciclo di conversazioni sulla storia, sull'architettura e sul paesaggio di Modica Alta e non solo.
Il laboratorio di OM avrà così modo di presentare i risultati delle proprie ricerche e confrontarsi con chi opera oggi con lo stesso spirito a favore dello sviluppo e della valorizzazione dei Centri Storici.

Leggi tutto...

TALKIN’ ABOUT YOUR TOWN - BdA a Palizzi

Talkin’ About Your Town tracce di nuovo immaginario urbano
Seminario e Mostra dei risultati del lavoro di Borgo degli Artisti per Palizzi
Scuola Media di Palizzi Marina / Istituto Comprensivo Bova Marina-Condofuri
Sabato 14 novembre 2013 – Ore 10,00

Introducono:
Francesco Suraci, Vice Direttore Dipartimento PAU - Università Mediterranea Reggio Calabria
Eugenio Barillà, Commissario Straordinario Comune di Palizzi
Pietro Natoli, Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Bova Marina-Condofuri
Angelo Cannizzaro, Responsabile Scientifico di Borgo degli Artisti

I laboratori:
Francesco Bonsinetto, Coordinatore Scientifico Talkin’ About Your Town
Andrea Scarfò, Send me a Postcard - Laboratorio di fotografia urbana
Emanuela Martino, Tell me a Story - Laboratorio di scrittura creativa
Giuseppe Caridi, Show me a Map - Laboratorio di progettazione urbana

Gianni Brandolino Docente Università Mediterranea Reggio Calabria
Enrico Costa Docente Università Mediterranea Reggio Calabria            
Lorenzo Martino Docente Università Mediterranea Reggio Calabria
Massimo Merenda Docente Università Mediterranea Reggio Calabria
Pietro Natoli Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Bova Marina-Condofuri
Natina Pizzi - Poetessa
Aldo Zucco Docente Accademia Belle Arti Catania

Leggi tutto...

OM - Orfanotrofio Modica centro culturale e laboratorio permanente di sviluppo territoriale

OM - Orfanotrofio Modica
centro culturale e laboratorio permanente di sviluppo territoriale

Sabato 21 settembre 2013
opening ore 19:00

EXHIBITION - LIVE - DJset con Maurizio Olmo Giuca - MurK from Matera
Plesso di San Teodoro Modica Alta 

Un progetto di Farm Cultural Park per Borgo degli Artisti 

 

OM- “Orfanotrofio Modica” è il nuovo centro culturale e laboratorio di sviluppo territoriale per la città di Modica che inaugura sabato 21 settembre 2013 dalle ore 19:00. 
Da un progetto di Borgo per gli Artisti OM è il risultato del workshop “Stato Bastardo” di Andrea Bartoli e Farm Cultural Park, un intervento di riqualificazione degli spazi dell’ex scuola De Amicis, plesso di San Teodoro - Modica Alta, oggi sede di Borgo degli Artisti.
Dal 16 settembre dieci creativi hanno preso d’assalto le aule dell’ex scuola recuperando, per un nuovo utilizzo, vecchi materiali (di arredo scolastico e didattico) e riconvertendo i diversi ambienti in project room e luoghi d’accoglienza.
OM ospiterà gli interventi installativi di: Carmelo Nicotra Chain Chairs”, Cristina LaRocca “ Bastard Planet”, Emanuela Selvagio “ Adotta la tua lunghezza O.M”, Maddalena Migliore, Serena Fanara “Free climbing”
Gli interventi di arte urbana sono realizzati da Vlady Art “Obey” che copre il prospetto di via San Teodoro, VaneMade “String Art”, Lidia Castronovo con i suoi giardini verticali “String gardens”.
Il giardino rivive con la sperimentazione della garden designer Lidia Castronovo e lo spazio per i bambini è ideato e curato da Florinda Saieva e Vanessa Castronovo , il riciclo di materiale didattico e la costruzione di piccole capanne per un luogo accogliente, colorato e divertente
Spazi permanenti sono dedicati al food e beverage “Family Eitz” e “OM-lette” curato da Federica Schembri e Gianluca Rinzivillo.
Un ex scuola che cambia volto ma non nella sua funzione sociale di aggregazione e condivisione, all’insegna dell’arte, della cultura e del piacere dello stare insieme.

 

Leggi tutto...

Borgo degli Artisti si racconta

"Borgo degli Artisti si racconta"

>> Data Evento:
7 luglio 2013

>> Orari Evento:
dalle 09.30 ALLE 21:00

Studium San Giorgio (Duomo di San Giorgio).
via San Michele Modica Alta.

>> INFO
TEL: 335.7854295 / 339.5852833
EMAIL: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

>> PROGRAMMA
ore 09:30
Partners istituzionali e tecnici 

//// chair: Enzo Scarso

    intervengono:
    Ignazio Abbate - Sindaco di Modica
    Sandro Autolitano – Sindaco di Palizzi
    Nicola Bonanno – Sindaco di Caltagirone
    Giorgio Muriana – Dirigente Settore Cultura Comune di Modica
    Stefania Covato - Coordinatore Progetto Borgo degli Artisti
    Paolo Failla – Presidente Centro Commerciale Naturale Francavilla
    Giambattista Scivoletto – AD Studio Scivoletto
    Salvo Borrelli – Presidente Sol. Coop Ibleo

ore 10:30
Partners Scientifici

//// chair: Concetta Bonini

    intervengono:
    Angelo Cannizzaro – Segretario Mediterranean Planners
    Lorenzo Martino – Dip. PAU – Università Mediterranea di Reggio Calabria
    Enzo Bentivoglio – Dip. PAU – Università Mediterranea di Reggio Calabria
    Aldo Zucco – Accademia di Belle Arti di Catania
    Andrea Bartoli – Farm Cultural Park
    Luca Scivoletto - Dip. di Storia dell’arte e spettacolo -  Roma La Sapienza
    Francesco Lucifora - C.O.C.A. Modica

Ore 18:30
Presentazione della Ricerca

///// chair: Angelo Cannizzaro

    intervengono:
    Chiara Facello
    Risultati del processo di partecipazione
    Marco Terranova
    La città degli abitanti
    Anna Scifo
    La città del turismo
    Valentina Russo
    La città dell’identità e degli eventi

Ore 19:30
Tavola Rotonda workshops di Borgo degli Artisti

///// chair: Angelo Cannizzaro

    partecipano:
    Andrea Bartoli, Giorgio Cannizzaro, Gianni Di Matteo,
    Chiara Facello, Paolo Failla, Francesco Lucifora,
    Valentina Russo, Anna Scifo, Giambattista Scivoletto,
    Luca Scivoletto, Marco Terranova, Aldo Zucco.

Leggi tutto...

La Città delle idee

"La Città delle Idee - prove tecniche di progettazione con la cittadinanza"

Orari Evento:
dalle 10.30 ALLE 13:00
LIGHT LUNCH
dalle 14.00 ALLE 17:00

Laboratorio Borgo degli Artisti (ex-scuola De Amicis).
San Teodoro, Modica Alta.

>> INFO
TEL: 335.7854295 / 339.5852833
EMAIL: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Partnership