loghi
Menu

Arch Attack

I Globe Gardens sono un nuovo modo di concepire il giardinaggio, dove tutto è possibile, proprio come l'immaginerebbe un bambino.

OM, un ex orfanotrofio, un luogo dove hanno vissuto tanti bambini sradicati da ciò che è più naturale, la famiglia. Allo stesso modo queste piante sono state tolte dal terreno, messe in una situazione quasi innaturale, ma vivono bene. Crescono, ricevono nutrimento, cure, ma sono guardate come "diverse". Come "diversi" erano quei bambini.

I concetti di "normalità" e di "diversità" sono molto relativi, sta a noi non avere pregiudizi. Come fanno i bambini.

Thanks to Gabriele per avermi fatta tornare bambina.

 

Leggi tutto...

Carmelo Nicotra

Negli ultimi anni come artista porto avanti una ricerca legata allo spazio urbano, nei miei lavori emerge sempre un senso di appartenenza ad un contesto sociale o ad un luogo, con un’attenzione a determinate identità culturali.
L’approccio spesso antropologico mi consente di sviluppare dei progetti legati ad aspetti marginali, come la lingua e le tradizioni, o che indagano mutamenti sociali e architettonici di un contesto urbano.

Sono molto interessato a partecipare al vostro progetto perché reputo sia molto affine a dei miei interessi, mi auguro di contribuire con la mia professionalità alla realizzazione di un progetto di valenza culturale e sociale per la città di Modica.

Leggi tutto...

Serena Fanara

Mi piacerebbe partecipare ad uno dei workshop previsti per questo anno al Borgo degli Artisti perché è un'ottima occasione per un artista emergente di allargare il suo campo d'azione. Spesso non si ha la percezione vera di un'idea se non la si relaziona ad uno spazio ben definito, per cui diviene necessario per un lavoro nascere e svilupparsi in rapporto al paesaggio. Questa mi sembra un'ottima piattaforma per iniziare un pensiero di questo tipo, per mettersi in gioco e relazionarsi con persone e luoghi.

Leggendo la descrizione della scuola/borgo trovo molto interessante la sua posizione di passaggio, il suo essere "motore di un intervento (urbano) pur rimanendo in questa posizione di invisibilità"; mi piace pensare che gli spazi di questo microcosmo (giardino - palestra - cortile) comunichino tra di loro, che l'esterno influenzi l'interno e viceversa; l'immagine di questo tronco di palma che fa capolino tra le abitazioni circostanti come ne fosse il simbolo, innescando una riflessione sui luoghi e sulle possibilità/modalità di intervenire su di essi.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Partnership